Le autorità cinesi hanno arrestato un gruppo di truffatori che si spacciavano per finti funzionari di Huobi, gestendo un sito web fake.

Huobi Global Pro è un exchange di asset digitali che mira a rivoluzionare il sistema finanziario globale. Fondata nel settembre 2013 con sede a Singapore, Huobi Global pro è stata fondata da Leon Li e dal suo team, con la convinzione che la tecnologia blockchain possa cambiare il modo in cui i mercati finanziari lavorano. Huobi è uno dei tre principali cripto-exchange al mondo, in cui è possibile scambiare più di 190 coppie di criptovalute. 

Sottolineiamo il fatto che qualche settimana fa, Huobi Charity, il braccio filantropico e la piattaforma di beneficenza basata su blockchain del gruppo Huobi, ha annunciato un’iniziativa congiunta con Finance Centre for South-South Cooperation per raccogliere $ 143.000 USD in criptovalute per fornire DPI in Africa, Sud-Est asiatico e America Latina per combattere il Coronavirus.

Non ci sono dubbi che il gruppo Huobi è una delle principali società globali di blockchain e la sua influenza nello spazio crittografico è indiscussa, tanto che il 20 maggio le autorità cinesi hanno arrestato un gruppo di truffatori che  si spacciavano per finti funzionari di Huobi, gestendo un sito web fake chiamato over-the-counter (OTC). 

Stando alle prime indiscrezioni, la polizia locale pare abbia arrestato 12 sospetti nella provincia del Guangdong, ritenuti alla base del piano dei finti funzionari Huobi. E’ trapelato inoltre che probabilmente i truffatori hanno convinto le vittime a investire nella falsa piattaforma OTC, utilizzata per il riciclaggio di denaro sporco, quindi hanno inviato i soldi falsificati su conti esteri.

Le autorità cinesi hanno arrestato un gruppo di truffatori che si spacciavano per finti funzionari di Huobi, gestendo un sito web fake.

La frode dei finti funzionari Huobi

Le autorità locali hanno annunciato di aver sequestrato computer, telefoni cellulari, carte bancarie e altri elementi relativi alle indagini dei finti funzionari Huobi. I truffatori, per attirare le vittime, hanno pubblicato opportunità di investimento sulla speculazione Bitcoin sul canale WeChat.

Secondo la testimonianza di una delle vittime, chiamata “Mr. A”, questa pare che abbia trasferito 100.000 RMB sull’account pubblicizzato sulla piattaforma falsa. Inizialmente l’investimento avrebbe iniziato a registrare “utili considerevoli”, quasi raddoppiando il capitale. Ma questo non era altro che un ritorno falso per convincere la vittima ad investire ancora, tanto che avrebbe inviato circa 3,1 milioni di RMB a diversi conti bancari. A febbraio, la vittima ha ricevuto un avviso che la falsa piattaforma OTC aveva chiuso e che quindi aveva perso i soldi.

La polizia dietro l’indagine dei finti funzionari Huobi ha detto che dopo l’annuncio dell’improvvisa chiusura della piattaforma, i criminali hanno deviato il denaro attraverso vari conti bancari.

I finti truffatori Huobi sono solo un’altra goccia nell’oceano dei reati di criptovaluta. Infatti, con l’espansione del settore crittografico questi fenomeni si sono moltiplicati e le criptovalute sono sempre più lo strumento preferito dai truffatori che si aggirano sul Web per commettere reati.

E voi siete stati vittime o testimoni di una frode di criptovaluta? Fatecelo sapere nei commenti!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui