Criptovalute e gioco d’azzardo nelle leghe di calcio asiatiche

Negli ultimi sei anni il calcio asiatico ha visto un forte calo delle partite truccate, secondo l’Asian Football Confederation (AFC). Tuttavia, il gioco illegale che ha storicamente guidato le partite truccate nella regione pare che sia invece cresciuto. In parte a causa dell’aumento delle criptovalute come metodo di pagamento. Per questo l’AFC e Sportradar, il suo partner per l’integrità con sede in Svizzera, collaborano per combattere la corruzione nel calcio asiatico dal 2013. Oscar Brodkin, direttore dei servizi segreti e investigativi di Sportradar, ha dichiarato:

“Con figure chiave imprigionate o interrotte e casi di alto profilo discussi nei media, le partite truccate negli ultimi cinque anni sono diventate molto più frammentate”

Tuttavia, durante questo periodo, gli importi delle scommesse sono aumentati. E i metodi di pagamento tradizionali sono stati sostituiti da criptovalute e persino pagamenti in natura.

Negli ultimi sei anni il calcio asiatico ha visto un forte calo delle partite truccate, secondo l'Asian Football Confederation (AFC).

Gioco d’azzardo illegale

Transparency International ha stimato che il mercato del gioco d’azzardo illegale in Asia valesse circa $400 miliardi nel 2018. Il gioco d’azzardo è tecnicamente illegale in gran parte del continente. Comprese le nazioni più popolose: Cina continentale, India, Indonesia, Pakistan e Bangladesh.  In Europa, invece, la relazione del calcio con la criptovaluta è più positiva. Con diversi club che lanciano token fan basati su blockchain per aumentare il coinvolgimento. Più di recente, la centrale elettrica spagnola del calcio FC Barcelona ha collaborato con la piattaforma fintech Chiliz. Per creare un token basato su blockchain per il franchising sportivo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui