Mentre il coronavirus continua a bloccare tutto il mondo, i governi stanno creando le basi per una nuova società di sorveglianza totale. Possiamo fermare la pandemia globale senza sacrificare la nostra libertà? Quando i governi prendono i poteri di emergenza, non li abbandonano mai. Con il pretesto di monitorare e tracciare la diffusione della malattia, la sorveglianza di massa del governo attraverso il monitoraggio dei telefoni cellulari rischia di essere normalizzata.

Mentre il coronavirus continua a bloccare tutto il mondo, i governi stanno creando le basi per una nuova società di sorveglianza totale. Ma possiamo fermare la pandemia globale senza sacrificare la nostra libertà? 

Quando i governi prendono i poteri di emergenza, non li abbandonano mai. Con il pretesto di monitorare e tracciare la diffusione della malattia, la sorveglianza di massa del governo attraverso il monitoraggio dei telefoni cellulari rischia di essere normalizzata.

Il pregiudizio algoritmico ora va oltre gli studi accademici poiché gli algoritmi opachi potranno decidere chi potrà viaggiare e lavorare in luoghi come la Cina e senza dubbio deciderà presto chi vivrà e chi morirà a causa del virus. È questo il mondo che vogliamo che i nostri figli ereditino?

Oggi più che mai, abbiamo bisogno di tecnologie che sfruttino l’intelligenza collettiva dell’umanità per affrontare la crisi COVID-19 senza però sacrificare la nostra libertà.

Il coronavirus potrebbe portare ad una nuova rivoluzione tecnologica. In Cina, il monitoraggio pubblico non è una novità, ma gli esperti ritengono che il virus abbia offerto al governo l’opportunità di aumentare la sorveglianza proprio mentre i cittadini stavano installando un’app di automonitoraggio per il proprio bene. La tecnologia di riconoscimento facciale viene utilizzata per rilevare temperature elevate o sollevare preoccupazioni per i civili senza maschere di protezione, ma non è detto che questa tecnologia scomparirà quando o se la pandemia lo farà.

Analogamente all’11 settembre che ha portato la National Security Agency a legalizzare il tracciamento dei dati civili, COVID-19 ha fornito una scusa post-terrorismo fin troppo conveniente per espandere la sorveglianza negli Stati Uniti, anche attraverso la cooperazione con Google, Microsoft, IBM ed altri.

Mentre tutti sono distratti dal coronavirus, il governo degli Stati Uniti sta cercando di rendere obbligatoria la cattura di massa dei messaggi tramite il backdooring della crittografia end-to-end sui dispositivi client.

Mentre il coronavirus continua a bloccare tutto il mondo, i governi stanno creando le basi per una nuova società di sorveglianza totale. Possiamo fermare la pandemia globale senza sacrificare la nostra libertà?

L’intelligenza umana collettiva ci salverà!

C’è un modo per uscire da questo paradosso?

Dobbiamo progettare la tecnologia usando la privacy in base alla progettazione. Per oltre due decenni, crittografi, avvocati e attivisti hanno sostenuto tecnologie decentralizzate ottimizzate per la privacy che offrono tutti i vantaggi della raccolta di dati personali pur mantenendo i dati privati. Sfortunatamente, i finanziamenti per la tecnologia di miglioramento della privacy da parte del settore pubblico sono praticamente inesistenti, proprio come i finanziamenti per una risposta pandemica.

Il capitale di rischio nella Silicon Valley non si è ancora intensificato per finanziare le startup che lavorano sulla privacy. La costruzione di una tecnologia migliorata per la privacy è solo più costosa, così come è anche più costoso costruire ponti che non collassano o creare test COVID-19 che funzionino davvero!

È tempo di liberare il nostro istinto di solidarietà umana e di aiuto reciproco, gli unici che possono effettivamente curarci dal COVID-19.

Tutto, dai design delle parti di respiratori open source a basso costo  alle maschere per il viso stampate in 3D sono segni di ciò che è possibile fare, anche la corsa per il vaccino è iniziata. Mixnet è un tipo di design può difendere la privacy anche dagli avversari potenti come la NSA.

Suggeriamo perciò di utilizzare la tecnologia blockchain per coordinare una rete decentralizzata e globale cercando di prevenire la sorveglianza di massa e di garantire libertà di parola e libertà civili.

Anche l’impero romano è crollato di fronte ad enormi piaghe ed il coronavirus potrebbe significare la fine dell’ordine mondiale neoliberale post-sovietico. Se c’è qualche possibilità di uscirne vivi, non è perché i nostri governi ci hanno salvato con la sorveglianza di massa, ma perché ci siamo salvati con l’intelligenza collettiva dell’umanità abilitata a Internet.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui