Bitcoin supera i $10.000

Il positivo inizio dell’anno per il prezzo del Bitcoin ha fatto notizia. L’attività ha chiuso per la prima volta un gennaio di successo. Domenica 9 febbraio è riuscita a superare i $10.000. Ciò, naturalmente, ha suscitato l’interesse degli investitori.

Un altro fattore, però, dovrebbe essere considerato. La volatilità della criptovaluta è stata un aspetto che l’ha resa famosa e l’ha aiutata a raggiungere un massimo di $20.000. Però… l’attività più forte oggi cresce con una bassa volatilità.

Secondo un grafico di Skew (@skewdotcom) il bitcoin è aumentato del 35% da inizio anno. Poco prima che la “Crypto Spring” iniziasse a mettere radici. Ma, la volatilità di Bitcoin è stata un’arma a doppio taglio per la crescita e l’adozione di blockchain e criptovaluta. È improbabile che Bitcoin e l’intero ecosistema siano dove sono adesso, se non fosse stato per la folle volatilità dei prezzi del 2017.

Oggi, la volatilità di Bitcoin è molto meno aggressiva, nonostante lo strano salto del 40% in un solo giorno. Questo risulta uno sviluppo positivo per il mercato che sta però attirando investitori istituzionali molto più cauti.

Il costante aumento di prezzo, unito a una volatilità da record, rappresenta un’opportunità di investimento. Soprattutto per coloro che hanno tasche profonde: le istituzioni

Bitcoin: aumenta l’interesse delle istituzioni

Una soluzione in banche ed istituzioni?

È probabile che parte della volatilità di Bitcoin potrebbe avere a che fare con un aumentato interesse delle istutuzioni. Esse sono necessare per spostare l’ago del prezzo di Bitcoin. Prima era sufficiente un semplice interesse individuale.

L’ interesse metaforico di Wall Street in Bitcoin è necessario affinché si giunga ad una nuova azione di prezzo. Ma questo interesse non arriverà se la moneta continuerà a salire e scendere.

Il bitcoin sta diventando più normalizzato e legittimato. Persino le banche centrali esaminano la tecnologia per creare proprie versioni.

Probabilmente Bitcoin trarrà beneficio da un rinnovato interesse da parte di banche e governi. Questo faciliterà le istituzioni a investire nell’attività.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui