La difficoltà di mining di Bitcoin, ha visto il secondo declino più grande nella storia della rete. La difficoltà è scesa di circa il 16% a ~ 13,90 trilioni il 26 marzo, rispetto ai 16,55 trilioni del ciclo precedente registrato il 9 marzo. La difficoltà è progettata per adattarsi ogni 2.016 blocchi o circa due settimane. Questo è il calo più grande da quando i minatori di bitcoin hanno iniziato a utilizzare chip ASIC (circuito integrato specifico per l'applicazione). Per estrarre la criptovaluta all'inizio del 2013.

Bitcoin continua ad avere problemi. In questo caso si tratta di problemi legati al mining. La difficoltà di mining Bitcoin, ha visto il secondo declino più grande nella storia della rete.

La difficoltà è scesa di circa il 16%, circa 13,90 trilioni il 26 marzo. Rispetto ai 16,55 trilioni del ciclo precedente registrato il 9 marzo. La difficoltà è progettata per adattarsi ogni 2.016 blocchi o circa due settimane. Questo è il calo più grande da quando i minatori di bitcoin hanno iniziato a utilizzare chip ASIC (circuito integrato specifico per l’applicazione). Per estrarre la criptovaluta all’inizio del 2013.

Il calo più grande di sempre si è verificato nel novembre 2011 quando la difficoltà di mining è diminuita di circa il 18%. Il terzo calo più grande della difficoltà è avvenuto a dicembre 2018.

L’ultimo calo è il risultato della riduzione dell’hash rate dei bitcoin o della potenza di elaborazione della rete, che a sua volta è causata dal recente crollo dei prezzi dei bitcoin. Nel complesso, un calo della difficoltà nell’estrazione di bitcoin indica che alcuni minatori sono usciti dalla corsa per estrarre bitcoin.

La difficoltà di mining di Bitcoin, ha visto il secondo declino più grande nella storia della rete. Da quando i minatori di bitcoin hanno iniziato a estrarre all'inizio del 2013.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui