I numeri dell’inflazione CPI degli Stati Uniti potrebbero essere un evento decisivo per il Bitcoin

  • Se i numeri dell’inflazione statunitense sono più alti di quelli di aprile, possiamo aspettarci un ulteriore bagno di sangue nello spazio cripto.
  • Bitcoin e il più ampio spazio crittografico hanno seguito da vicino il mercato azionario statunitense che continuerà a rimanere volatile per il prossimo futuro.

La più grande criptovaluta del mondo Bitcoin (BTC) ha avuto un inizio di settimana piuttosto duro e le cose sembrano solo esacerbarsi per ora. All’inizio di oggi, il prezzo del Bitcoin ha fatto un tuffo sotto i 30.000 dollari per la prima volta da luglio 2021. Tuttavia, ha recuperato da allora ed è attualmente scambiato a livelli di 31.500 dollari.

Il sentimento generale del mercato continua a rimanere negativo con Bitcoin per ora. Quindi, tutti gli occhi saranno puntati su mercoledì, quando gli Stati Uniti rilasceranno i numeri dell’inflazione per il mese di aprile. Durante marzo, i numeri dell’IPC hanno toccato l’8,5%, segnando un’inflazione elevata da quattro decenni negli Stati Uniti.

Dal momento che Bitcoin e il più ampio mercato delle criptovalute dipendono in gran parte dal mercato azionario statunitense, i dati sull’inflazione avranno un effetto a catena su di loro. Quindi, se i dati sull’inflazione sono più alti del previsto, possiamo aspettarci che la Federal Reserve diventi falco sulla stretta quantitativa della politica monetaria. Ciò significa che la Fed potrebbe annunciare altri aumenti dei tassi di interesse che potrebbero portare a un’ulteriore correzione nel mercato azionario statunitense.

Questo può creare ancora più pressione sul mercato delle criptovalute andando avanti. Yuya Hasegawa, l’analista del mercato delle criptovalute presso lo scambio di bitcoin giapponese Bitbank, dice che i dati CPI di mercoledì potrebbero essere un “punto di svolta” per il Bitcoin. Parlando alla CNBC, Hasegawa ha detto:

Se il CPI non mostra alcun segno di rallentamento, si aggiungerà alla paura di una stretta monetaria più veloce. Ma altre metriche di inflazione stanno iniziando a rallentare e il CPI di aprile potrebbe seguire l’esempio, che a sua volta probabilmente allevierà la preoccupazione del mercato e aiuterà a recuperare il suo sentimento di rischio.

Bitcoin e il mercato azionario statunitense

Bitcoin ha seguito ampiamente il mercato azionario statunitense quest’anno nel 2022 e anche negli ultimi anni. In particolare, la sua correlazione con il Nasdaq Composite (INDEXNASDAQ: .IXIC) è piuttosto alta.

Ma abbiamo visto un grande sell-off nei titoli di crescita le cui valutazioni sono salite alle stelle durante la corsa al toro del 2021. D’altra parte, anche le società tecnologiche blue-chip come Amazon e Google stanno dando risultati deludenti secondo le aspettative del mercato. Quindi, c’è un po’ di sell-off anche in questo spazio!

Parlando dello sviluppo, Steven McClurg, responsabile degli investimenti presso Valkyrie Investments ha detto:

I mercati azionari e Crypto stanno vendendo su tutta la linea a causa di un ampio passaggio dal risk-off al pesante risk-selling. La correlazione tra le due classi di attività è cresciuta più pronunciata negli ultimi mesi a causa del numero di società quotate in borsa coinvolte nella blockchain e nelle attività digitali, e probabilmente vedremo questi mercati muoversi in gran parte in sincronia almeno per qualche tempo.

Quindi, insieme al mercato azionario statunitense, possiamo aspettarci che la volatilità continui anche per il mercato delle cripto.

Disclaimer Finanziario
Disclaimer: Le criptovalute sono strumenti volatili che possono fluttuare ampiamente in un molto breve lasso di tempo e, quindi, non sono adatte a tutti gli investitori. A parte i CFD, il trading di criptovalute non è regolamentato e, pertanto, non è vigilato da nessuno. Quadro normativo UE. Il tuo capitale è a rischio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here