3,6 miliardi di dollari di Bitcoin recuperati dall’hack, LEO è sul punto di entrare nella lista delle Top-10 crypto?

Il mercato globale delle criptovalute ha navigato attraverso un grande evento, che era stato desiderato per quasi 8 anni. L’hack del 2016 in cui la società di scambio di criptovalute Bitfinex ha dovuto affrontare il colpo. Ha finalmente trovato la luce alla fine del tunnel. Successivamente, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha recuperato 3,6 miliardi di dollari di Bitcoin, dall’hack del 2016 di Bitfinex. La mossa delle autorità è stata lodata dalla fraternità crypto, che stava cercando giustizia. Inoltre, il business ha riflettuto sulla somma sequestrata. Al contrario, Bitfinex cita le sue iniziative con UNUS SED LEO portando il bene digitale ad un ATH.

Gli Stati Uniti detengono ora uno dei più grandi sacchi di BTC?

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti martedì ha districato uno dei più grandi furti di criptovalute, risalente al 2016 dall’hack di Bitfinex. Le autorità hanno sequestrato un valore impressionante di 3,6 miliardi di dollari di Bitcoin. Il duo che è accusato di riciclare 119.754 bitcoin rubati dopo un hack. Si dice che abbiano iniziato più di 2.000 transazioni non autorizzate. Le transazioni che allora avevano un valore di 71 milioni di dollari in Bitcoin, ora hanno una valutazione di oltre 4,5 miliardi di dollari. Si apprende che, negli ultimi 5 anni, circa 25.000 dei Bitcoin rubati sono stati riciclati. Alcuni dei quali sono stati depositati in conti finanziari sotto il controllo di Lichtenstein e Morgan.

I restanti fondi rubati che contengono più di 94.000 BTC sono rimasti nel portafoglio. Che sono stati utilizzati per ricevere e conservare i proventi dell’hacking. I Bitcoin recuperati contano oltre 94.000 BTC che valgono oltre 3,6 miliardi di dollari al momento del sequestro. Successivamente, gli esperti citano che, l’entità del governo degli Stati Uniti ora detiene il controllo su uno dei più grandi portafogli Bitcoin nel mondo. Dando loro il potere di fare o rompere le tendenze del settore. Pertanto, le sezioni stanno ora riflettendo sulle promulgazioni nel prossimo futuro.

Il token LEO entrerà nella lista dei Top-10?

Bitfinex in una recente dichiarazione cita che, l’azienda lavorerà con il DOJ e seguirà le procedure legali appropriate. Per stabilire i suoi diritti alla restituzione del Bitcoin rubato. L’azienda cita inoltre che, se riceve un recupero del Bitcoin rubato. L’azienda utilizzerà l’80% dell’importo recuperato per riacquistare e bruciare i token UNUS LEO in sospeso, entro 18 mesi. Come descritto nel whitepaper del token UNUS LEO. Il LEO sarebbe il token di utilità dell’ecosistema iFinex. I possessori del token avranno accesso ai benefici in tutto il portafoglio e si prevede che riceveranno benefici dai futuri progetti, prodotti e servizi. Indipendentemente dal fatto che sia descritto nel libro bianco.

Successivamente, iFinex e i suoi affiliati riacquisteranno LEO per un minimo del 27%. Dei ricavi del mese precedente fino a quando i token non saranno in circolazione commerciale. Inoltre, un importo equivalente al 95% dei fondi netti recuperati da Crypto Capital sarà utilizzato per riacquistare e bruciare i token LEO in circolazione entro 18 mesi dalla data del recupero. Il prezzo di LEO al momento della stampa passa di mano a 7,51 dollari con guadagni del 53,7%. Mentre il market cap dell’asset è a circa 7.019.754.034 dollari. Il volume di scambi per tutto il tempo è a 42.179.736 dollari. L’asset digitale ha raggiunto il suo ATH di 8,14 dollari un paio d’ore.

In conclusione, il recupero della gargantuesca quantità di Bitcoin dall’hack di Bitfinex del 2016, ha portato allegria tra la gente. Inoltre, l’iniziativa da Bitfinex ha raccolto l’interesse delle masse. Inoltre, UNUS SED LEO potrebbe eventualmente intraprendere un viaggio verso una più alta classifica di market cap nel settore.

Disclaimer Finanziario
Disclaimer: Le criptovalute sono strumenti volatili che possono fluttuare ampiamente in un molto breve lasso di tempo e, quindi, non sono adatte a tutti gli investitori. A parte i CFD, il trading di criptovalute non è regolamentato e, pertanto, non è vigilato da nessuno. Quadro normativo UE. Il tuo capitale è a rischio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here